Privacy Policy Ferragosto tra tradizione e modernità nell’anno del Covid - ReportSicilia.com

Ferragosto tra tradizione e modernità nell’anno del Covid

L’editoriale di giovedì

Non è certo una novità che il Cristinesimo abbia assimilato tradizioni pagane seppure rivestite di altri significati. Nel 18 a.C., al tempo  de li dei falsi e bugiardi, come direbbe Virgilio, fu proprio Ottaviano Augusto, principe, a introdurre le Feriae Augusti, nel mese che porta il suo nome, ovvero un periodo di risposo e festeggiamenti, che affonda le radici nei consualia, feste dedicata a Conso, dio della terra e della fertilità, per celebrare la fine della mietitura. In tale occasione, in tutto l’Impero, si organizzavano corse di cavalli e le bestie da tiro erano agghindate di ghirlande floreali. Le celebrazioni avevano inizio già il primo di agosto e proseguivano per diverse settimane con riti e cerimonie dedicati anche ad altre divinità. Era usanza che contadini e operai ricevessero una mancia dai padroni, una tradizione che si è mantenuta nella Roma medievale e moderna, in cui addirittura era fissato l’importo delle mance, e comunque in voga fino a qualche anno fa e molto sentita dai lavoratori del settore edile, i muratori. Nella Lombardi dei primi del Novecento, alla fine di luglio, i muratori mettevano sulla parte più altra delle costruzioni un ramo detto pianta del “el faravòst” (pianta del ferragosto) che ricordava agli impresari di elargire il dono in denaro. Oggi, il ferragosto è una contaminazione tra sacro e profano e tra oriente e occidente: infatti, si mantengono in  molti comuni italiani le tradizionali corse di cavalli, il palio (dal latino palium ovvero il drappo porpora che era dato in premio al vincitore) che si disputano proprio  tra il 14 e il 15 agosto, che tanto pubblico attraggono. Ma il 15 agosto, secondo il calendario cristiano, è la festa dell’assunzione di Maria al Cielo,  che di fatto si comincia a festeggiare già nel VII secolo, anche se il dogma, secondo cui la Vergine e Madre di Dio sia stata accolta in cielo con anima e corpo, sarà riconosciuto dalla Chiesa Cattolica solo nel 1950. L’Assunzione ha sua volta origini orientali; durante il periodo bizantino era la festa più importante che chiudeva l’anno liturgico, tutto mariano, che aveva inizio l’8 Settembre con la Natività di Maria e fine il 31 Agosto con la Dormizione. Per tutto il secondo Novecento, il ferragosto ha rappresentato occasione di reunion delle famiglie emigrate al nord Italia o in Germania che, per ricongiungersi ai parenti e raggiungere il paese d’origine, intraprendevano estenuanti viaggi, a bordo di automobili non proprio confortevoli. Insomma nulla a che vedere con quello che si intende oggi per ferragosto, divenuto il periodo delle vacanze nei luoghi più cool del momento, da Ibiza a Formentera, Fuerteventura, Mikonos, Costa Brava, St. Julian’s a Malta, solo per citare quelle più gettonate dai giovani. E sembra che il lungo lockdown abbia insegnato ben poco a questi ragazzi che alla vacanza di prossimità, data l’emergenza sanitaria in corso, hanno comunque preferito il viaggio all’estero, per molti il viaggio di una maturità che è passata alla storia. E così, vuoi per i casi d’incuria di chi deve controllare e non lo fa, vuoi perché di tanto in tanto qualche migrante  positivo al coronavirus scappa dall’ hot spot e infetta qua e là, vuoi per la voglia di lasciarsi tutto alle spalle e “chi se ne frega” tipico della gioventù, l’Italia si ritrova alla vigilia di ferragosto con un’impennata di casi e un’età media di contagiati che scende vertiginosamente. Giro di vite alla movida, controlli più serrati, no alle serate danzanti, no ai falò sulla spiaggia da Sapore di Sale, e nuove autocertificazioni serviranno a contenere la seconda ondata di covid-19?  Ci si appella al senso civico di ciascuno perché tanto, semmai lo sputnik anticoronavirus di Putin fosse efficace, la sua commercializzazione non avverrebbe comunque prima del nuovo anno e fino ad allora toccherà fare le persone civili e responsabili.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *