Privacy Policy Le Biotipologie cutanee - ReportSicilia.com

Le Biotipologie cutanee

di Aldo Caldarella

Bentornate/i al nostro appuntamento beauty settimanale!

La scorsa settimana abbiamo parlato di come aiutare e preparare la pelle, per l’esposizione al ‘primo sole’.

Abbiamo consigliato una skincare routine da seguire, ma vi abbiamo anche detto che ,affinché questa sia efficace, è necessario che i prodotti da voi utilizzati siano adatti al vostro tipo di pelle.

Ci si sente spesso disorientati nella scelta dei prodotti cosmetici, e si finisce sempre per scegliere i prodotti più pubblicizzati, non curandosi della reale necessità che la vostra pelle possa avere.

Oggi faremo chiarezza, e distingueremo le varie biotipologie cutanee.

Distinguiamo quattro principali tipologie: 

-Pelle normale;

-Pelle secca;

-Pelle grassa;

-Pelle mista;

LA PELLE NORMALE

Si definisce ‘normale’ quella bio tipologia di pelle ben equilibrata. Benché possano verificarsi delle zone più grasse come la ‘Zona T’ (fronte, naso e mento), In linea generale la produzione di sebo e la sua idratazione sono ben equilibrati.

Questa tipologia si presenta morbida e vellutata al tatto, pori fini, nessuna imperfezione evidente ed una buona circolazione. Con l’invecchiamento la pelle normale, ha la tendenza a diventare secca.

LA PELLE SECCA:

La pelle secca è una tipologia che ha come caratteristica quella di produrre meno sebo di quanto sia invece necessario.

A questo tipo di pelle mancano i lipidi, che sono necessari al fine di mantenere una corretta idratazione, che è fondamentale per costituire il film idrolipidico necessario per difendersi da aggressioni esterne quali : smog, cosmetici aggressivi e detergenti poco delicati.

Le sue cause, oltre ad una scorretta cura della pelle, sono legate all’idratazione interna! 

Ebbene si, non importa che mettiate una crema idratante molto ricca venti volte al giorno, bisogna BERE! Il miglior processo di idratazione comincia da dentro.

La pelle secca pò risultare tesa, ruvida, leggermente desquamata o screpolata, poco elastica e può causare prurito.

LA PELLE GRASSA:

La pelle grassa al contrario di quella secca produce un’eccessiva quantità di sebo.

Tra le sue cause abbiamo: fattori genetici, squilibri ormonali, l’utilizzo di determinati farmaci, stress e cosmetici comedogenici.

Questo tipo di pelle presenta pori molto dilatati, un aspetto ‘lucido’, pelle ispessita. E’ inoltre soggetta ai comedoni (conosciuti come punto neri o punti bianchi) e altre forme di acne.

Sebbene si pensi che la pelle grassa sia eccessivamente idratata, in realtà non è così. Al contrario l’eccessiva produzione di sebo altro non è che una reazione di difesa della pelle, causata dalla scarsa idratazione, che per difendersi deve produrre più lipidi.

LA PELLE MISTA

Nei soggetti con pelle mista, la cute può risultare in alcune zone grassa, e in altri molto secca. Più comunemente la Zona T è solita ad essere la zona più grassa, mentre la zona zigomatica e delle guance più secca.

Le sue cause altro non sono che un puzzle tra le cause della pelle secca, e quelle della pelle grassa, solamente messe insieme ma interessando zone diverse del viso.

Spero che questa mini guida vi sia stata utile per la ricerca dei prodotti cosmetici più adatti a voi! Vi auguro un buono shopping, e questa volta più consapevole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *