Privacy Policy Agricoltura. La resilienza degli under 35: storia di Martino, coltivatore di piante aromatiche - ReportSicilia.com

Agricoltura. La resilienza degli under 35: storia di Martino, coltivatore di piante aromatiche

 
 
 Roma – Gli imprenditori agricoli under 35 resistono alla crisi provocata dall’attuale pandemia. Nonostante le innumerevoli difficolta’, continuano a far crescere le proprie aziende, rispettando l’ambiente e proponendo soluzioni alternative in linea con i tempi. Nel 2020, secondo il report annuale stilato da Coldiretti, si e’ registrato un boom di giovani imprenditori agricoli. Rispetto a 5 anni fa, infatti, c’e’ stato un aumento del 14% di under 35 che hanno deciso di avviare un’azienda agricola. Martino Allegra e’ un imprenditore agricolo di 28 anni. Coltiva piante aromatiche in un terreno che si trova alle falde dell’Etna, in provincia di Catania. Produce principalmente origano, maggiorana, timo, salvia, rosmarino e peperoncino. 
TUTTO NASCE IN UN PAESINO ALLE FALDE DELL’ETNA
“Ho aperto la mia azienda agricola nel 2018. Ho acquistato infatti un terreno abbandonato alle falde dell’Etna, in provincia di Catania, precisamente a Pedara, paesino di 14 mila abitanti”. Inizia cosi’ la storia di Martino, intervistato dall’agenziaDire. “In questo terreno- spiega- ho deciso di iniziare a produrre cio’ che nella mia terra cresce spontaneamente: le piante aromatiche. Le coltivo seguendo i criteri della sostenibilita’ ambientale. Sono un agronomo e metto in pratica quotidianamente cio’ che ho studiato. Avere una mia azienda agricola e’ stato il sogno di una vita, la mia ambizione principale. E non e’ una passione che deriva da una storia familiare. Sono stato io a voler fortemente avviare questa attivita’, i miei genitori fanno tutt’altro”. 
UNA PRODUZIONE CHE SI RIVOLGE ANCHE ALL’ESTERO
“La mia e’ un’azienda giovane. Tuttavia- spiega Martino- e’ da alcuni mesi che la mia produzione si rivolge anche al mercato estero. Alcuni Paesi stranieri, infatti, sono privi delle nostre piante aromatiche poiche’ non crescono in modo spontaneo nelle loro terre. I miei aromi sono racchiusi in confezioni che hanno l’etichetta in doppia lingua, in questo modo posso promuovere il made in Italy in diverse parti del mondo. Di certo non possiamo parlare di una vendita massiccia, ma l’obiettivo primario e’ iniziare a farsi conoscere anche al di fuori dei confini nazionali e nel mio piccolo ci sto riuscendo”. 
LA COMUNICAZIONE HA AIUTATO MOLTO CONTRO LA CRISI PANDEMICA
“L’attuale crisi pandemica ha colpito gravemente la ristorazione. La mia produzione si rivolge principalmente a questo settore. Nonostante le chiusure obbligate ho cercato di porre rimedio facendomi conoscere. La comunicazione e la visibilita’ sui social mi hanno consentito di crescere e di avere nuovi partner anche a livello commerciale”, racconta con entusiasmo il 28enne. 
IL RITORNO ALLA TERRA UNA OCCASIONE DI CRESCITA
“Il boom di nuovi imprenditori agricoli under 35 che si e’ registrato nel 2020, come evidenziato dal rapporto annuale di Coldiretti, non mi sorprende. Ritornare alla terra, soprattutto in questa situazione attuale, e’ un passo obbligato e puo’ essere una occasione per far crescere professionalmente giovani in cerca di occupazione”, conclude. (fonte: agenzia DIRE)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *