Privacy Policy La goccia - ReportSicilia.com

La goccia

di Benedetto Giovanni Belnome

Questa settimana, ReportSicilia.com pubblica una poesia dialettale scritta da un lettore e inviata alla redazione qualche giorno fa. Buona lettura .

Na goccia si formau nti scuri nuvuli

la terra  dda ncapu nun putia taliari. 

Pocu dopu  nisciu e vitti lu suli,

accussi accuminciau lu so chiffari.

Na larga fogghia la caruta rallintau,

picca a picca nta lu tirrenu finiu, 

senza capillu cu fangu s’ammiscau,                     

veloci pi lu vattali si nni scinniu. 

Pinsau chi la vita fussi sulu chissa,              

sbattiri dunn’erè senza respirari,                                                 

accussì fici la fini di lu fissa,

all’impruvvisu s’attruvau a mari.              

Sta poesia è fatta di pochi paroli,

chi boni mpustati la fannu sunari.

La vita è strachina di tanti viòli,

capita spissu di nun l’inzirtari. 

Curremu comu si fussimu mpazzuti,

agghiorna e scura e già è aeri,

nta la testa li pinzeri sunnu nfuti,

n’arrestanu sempri  cosi di  fari.

Si ni firmassimo pi cincu minuti

e taliassimu na goccia evapurari,

capissimu veru li cosi vissuti 

e chiddu chi n’arresta di campari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *