Privacy Policy Emergenza coronavirus e obbligo stare a casa.Coppie scoppiate o ritrovate? - ReportSicilia.com

Emergenza coronavirus e obbligo stare a casa.Coppie scoppiate o ritrovate?

E mentre si attende il picco dei contagi e si prega perché si plachi questa piaga, la famigliola italiana si ricompone con nuovi ritmi, in smart working, con le bottiglie da 2 litri per allenare le braccia, correndo tra forno, tavolo e sofà, divorando snack davanti a film d’autore, fino a tarda sera, con i bimbi che si rifiutano di fare i compiti e le mamme sempre più esaurite, con diversi centimetri di ricrescita ai capelli, il gel staccato alle unghie, le sopracciglia in disordine.

Un’esistenza stravolta per abitudini o è meglio chiamarli vezzi? Quali e quanti gli impegni realmente necessari che scandivano la settimana in agenda, come se tutti fossero grandi manager di multinazionali?

Per non parlare poi del rapporto di coppia, tra marito e moglie, o conviventi, ridotta in molti casi a coabitazione senza condivisione di interessi ma solo di tetto e non di letto.

E adesso? Passare 24 ore al giorno nella stessa superficie domestica, con i marmocchi o gli adolescenti che schiamazzano e si lamentano passando dal letto al divano e ritorno, senza la colf che rassetta e stira, senza le sedute dallo psicologo, come si fa? E’ possibile riscoprirsi e riaccendere il fuoco della passione anche solo mentale, rispettarsi e stimarsi magari dividendo le mansioni e occupandosi dei figli in armonia oppure è meglio continuare a ignorarsi e chiudersi – per chi ce l’ha – nel proprio studiolo per uscire solo ore pasti?

E’ difficile rispondere a questi interrogativi ma una cosa è certa: al tempo del Covid-19 per necessità si è diventati tutti multitasking, maestri, professori, casalinghe, artigiani e commercianti, grandi cuochi e soprattutto scienziati e medici mancati.

Forse, la convivenza forzata può aiutare a ritrovare una linea di dialogo che nella quotidianità  raramente si cerca, si riflette su se stessi e ci si propone l’uno all’altro senza filtri, magari regalandosi quel tempo che prima tra lavoro, figli, casa, spesa, parenti, amici, parrucchieri, estetisti, palestre e shopping non c’era più.

Questo è il momento del tempo autentico che scatta dentro ciascuno e si dona agli altri, non importa se ancora innamorati o solo sposati, adesso è il momento di abbattere i muri che fino a ieri sono stati costruiti. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *