Privacy Policy Consulta comunale giovanile: i giovani per Siracusa - ReportSicilia.com

Consulta comunale giovanile: i giovani per Siracusa

La consulta comunale giovanile è un organo consultivo, la rappresentanza under 30 dei giovani di Siracusa. Lo statuto della consulta prevede che i membri siano dei rappresentanti di associazioni cittadine eletti per votazione all’interno dell’assemblea. Il presidente della consulta giovanile di Siracusa, il dott. Marco Zappulla, durante un’intervista ci spiega che ogni mese il sindaco, o un rappresentante del governo, incontrano gli appartenenti della consulta comunale per discutere sulle tematiche afferenti ai giovani: sport, cultura, università, opportunità lavorative e formative.

“Se ci fossimo limitati al solo incontro, non avremmo mai ricevuto alcun tipo di riscontro positivo da questa attività” chiarisce il presidente. “Col sindaco abbiamo discusso di verde urbano, impiantistica sportiva, trasporti e viabilità. Non stiamo fermi ad aspettare che qualcuno dal comune ci solleciti a proporre”. Siracusa accusa, ormai da anni, un esodo di giovani in costante crescita, i quali, dopo aver terminato gli studi secondari superiori migrano verso le Università del Nord e Centro Italia, lasciando sprovvista di rappresentanza giovanile la città.

“Il movimento giovanile che si attiva per la politica cittadina deve partire da una base di popolazione e qui siamo rimasti in pochi, tra chi non ha voluto mollare, e che io ritengo coraggiosi” continua Zappulla. “Io sono rimasto qua perché mi piace vivere la città, mi piace la politica, anche se la soluzione migliore sarebbe quella di andar via, ma non mi sono arreso”.

I luoghi universitari e gli atenei sono ambienti dove il ragazzo non va solo a studiare, ma allena la mente e la persona all’approccio con la politica, rappresentando così un indispensabile strumento per spingere gli studenti a radicarsi nel territorio. “Ci sono ragazzi costretti ad andare via perché qui non hanno uno sbocco occupazionale e formativo, ma se ci fosse l’Università molti di loro resterebbero” afferma convinto il presidente. Nonostante ciò Zappulla ritiene che questa visione collettiva dei fatti possa e debba cambiare. Questo è il lavoro che la consulta giovanile si augura di svolgere, proponendo attivamente all’amministrazione risoluzioni e iniziative concrete e attuabili.

La politica dovrebbe mettere i giovani nelle condizioni di scegliere in cosa investire il proprio talento e le doti professionali, per impiegare tale formazione e preparazione nell’ispessimento culturale della città di Siracusa e non di altre.

Viviana Nobile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *