Privacy Policy Asp Siracusa, Coronavirus e fake news sulla sanità locale, direttore Ficarra:" Diffuse notizie infondate". - ReportSicilia.com

Asp Siracusa, Coronavirus e fake news sulla sanità locale, direttore Ficarra:” Diffuse notizie infondate”.

-Ancora una volta vengono diffuse notizie giornalistiche sulla emergenza Coronavirus del tutto infondate creando volutamente un ingiustificato allarme sociale e gettando discredito nei confronti della Pubblica amministrazione per ragioni adonistiche che ci sembra inutile commentare ma certamente biasimabili – queste le parole del direttore generale dell’Asp Siracusa, Salvatore Lucio Ficarra, dopo aver appreso da un nuovo giornale on line locale delle fake news sulla situazione Covid-19 a Siracusa e in provincia.

-Ciò soprattutto quando si attacca chi ogni giorno lavora per contrastare il Coronavirus ed oggi per contrastarne gli effetti collaterali tra cui, appunto, quelli adonistici. Basterebbe osservare che alcune domande poste sono solo frutto di inutile retorica e che dalla semplice lettura degli atti aziendali puntualmente pubblicati potrebbero trovare risposta – afferma il direttore generale. che continua- Ma questo attiene alla correttezza e alla capacità di studio non sempre presi a riferimento da alcuni. Diversamente opinando, non sarebbe comprensibile come si può inquadrare l’informazione pubblica in un chiacchiericcio di corridoio (eventuali diatribe tra dirigenti peraltro, se vere, sarebbero fisiologiche in una organizzazione complessa che chi scrive dovrebbe conoscere) piuttosto che, in primo luogo, nella declinazione di numeri sui malati da Covid-19 che hanno dell’incredibile-.

-Eppure, attraverso i dati diffusi dalla Regione Siciliana e dalla Protezione Civile o anche attraverso il sito dell’Asp di Siracusa, dalla VI Commissione all’A.R.S. ma anche da Testate giornalistiche di primo rilievo o semplicemente dall’Albo Pretorio aziendale (istituito da anni per legge) il distratto commentatore avrebbe potuto con poco sforzo apprendere quanto si è fatto a Siracusa in materia di Covid-19-.

-Un esempio per tutti il palese errore (forse voluto?) sul numero delle USCA (Unità speciali di continuità assistenziale) istituite non in numero di 5 come falsamente affermato, né di 8 previste per 400 mila abitanti, avendo l’Asp di Siracusa istituito ben 10 USCA di cui una H 24 (che vale per 2) con la USCA scolastica e la recente istituzione dell’USCAI per l’Area industriale grazie al protocollo tra la Regione Siciliana, l’Azienda e Confindustria. Bastava consultare l’Albo Pretorio e fare una semplice addizione-.

– I reparti Covid attivati in provincia di Siracusa hanno consentito – e ci auguriamo lo consentiranno anche in futuro – di accogliere tutti i pazienti positivi sintomatici che hanno avuto bisogno di ricovero sino ad oggi, ospitando anche pazienti di altre province da cui piuttosto ne abbiamo accolti – afferma Ficarra – E i giornali (bastava leggerli) non hanno fatto mistero della dislocazione dei reparti Covid nei presidi ospedalieri dell’Azienda in cui lavorano centinaia di persone. E’ di qualche giorno fa un articolo su un quotidiano regionale (La Sicilia) che ha indicato i modelli organizzativi di tutte le Asp siciliane compresa quella di Siracusa-.

-La pubblicità dei dati sull’emergenza Coronavirus viene esitata secondo le regole vigenti dagli Enti sovraordinati quali Regione Siciliana e Dipartimento nazionale di Protezione civile che giornalmente, attraverso la pubblicazione di bollettini, condivisi dall’Azienda nella propria pagina istituzionale social, mettono a conoscenza la popolazione sull’andamento della pandemia. Giornalmente, inoltre, Prefettura, Forze dell’Ordine, sindaci dei 21 comuni della provincia, Comando provinciale dei Vigili del Fuoco, e settimanalmente Procura della Repubblica di Catania, come da disposizioni assessoriali, vengono aggiornati dall’Asp di Siracusa sui numeri e sui soggetti in isolamento domiciliare-.

-Ed ancora, è possibile che il distratto commentatore non sappia che i medici di famiglia hanno come interlocutori i direttori dei Distretti sanitari dell’Azienda nonché il loro direttore del Dipartimento (e anche presidente dell’Ordine provinciale dei Medici) Anselmo Madeddu e il direttore sanitario Salvatore Madonia?-.

-Eppure la norma che disciplina la materia è pubblica e chiara (come si dice, ignorantia legis non excusat) così come è chiara la norma che ha dato ai cittadini la possibilità di interloquire tramite l’URP- conferma il direttore generale – Quanto all’arretrato cui il distratto commentatore fa riferimento (peraltro giustificabile in una situazione pandemica mondiale, basterebbe consultare i siti web) apprendo dal dott. Madeddu che è stato da tempo azzerato. E’ su tutti i giornali, inoltre, la collaborazione tra l’Asp di Siracusa e tutti i sindaci dei Comuni della provincia per le attività di screening per Covid 19 tra la popolazione scolastica e nelle Case di riposo ed RSA con pubblicazione dei numeri dei positivi riscontrati.

– Infine, risultano del tutto falsi i dati sugli attuali positivi e sui decessi in provincia di Siracusa enunciati in un video di un nuovo giornale on line locale di cui certamente chi li ha diffusi siamo certi provvederà a svelarne la fonte assumendosene la responsabilità legale e morale – afferma il direttore generale dell’Asp, che conclude – Accogliamo con soddisfazione la notizia della recente istituzione da parte di Assostampa Siracusa di un Osservatorio sulle fake news in rete, nato dall’esigenza di ribadire il ruolo primario dell’informazione professionale che non può essere messa in discussione da distorsioni mediatiche e alimentare ansie, disorientamento e paure nella popolazione e che, laddove riterrà opportuno intervenire, è l’impegno dallo stesso assunto e di ciò siamo fiduciosi, segnalerà i casi scoperti alle autorità competenti-.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *