Privacy Policy Catania, torna l'Egitto in Sicilia con un grande evento organizzato dalla Soprintendenza ai Beni culturali e ambientali - ReportSicilia.com

Catania, torna l’Egitto in Sicilia con un grande evento organizzato dalla Soprintendenza ai Beni culturali e ambientali

Domani pomeriggio, ore 17.30, in diretta dalla pagina Facebook della Soprintendenza ai Beni culturali e ambientali di Catania, si terrà la conferenza a cura del prof. Giacomo Cavillier “Iside in Sicilia Orientale. Archeologia di un culto faraonico in età tolemaica e romana”. ReportSicilia.com ha intervistato l’illustre studioso che ha spiegato così i contenuti dell’incontro: “E’ mio intento focalizzare la discussione sugli aspetti culturali di Iside egizia in età faraonica. La diffusione del culto della dea in Sicilia Orientale mediante le sue tre principali città – Catania, Siracusa e Messina – è legata al fenomeno mercantile già a far data dalla prima colonizzazione greca. L’Iside egizia quale sothis è emblema del Nilo e della fertilità e simbolo dell’inizio del nuovo anno egiziano legato al sorgere della Stella Sirio, così come la Isis-Pelagia, è connessa all’orientamento della navigazione. In Occidente, Iside è protettrice dei naviganti la cui festività celebrata il 5 Marzo, il Navigium Isidis, sottende usanze egizie legate alle processioni sul Nilo e al ritmo della sua fecondità”. Abbiamo chiesto al professore se, dunque, ritiene possa esserci un sincretismo cultuale che affondi le radici a un’epoca precedente quella tolemaica.

“Senza dubbio, ha risposto, si può ipotizzare un percorso sincretico non solo di epoca tolemaica e romana, ma probabilmente già antico e già avviato dai mercanti e navigatori Egeo-levantini che frequentavano l’isola”.

Un momento di grande cultura che apre alla collaborazione tra la Soprintendenza di Catania e il Centro studi diEgittologia e Civiltà Copta “J.F. Champollion”, con sedi a Genova, al Cairo e a Luxor.

All’incontro parteciperà l’Assessore Regionale ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana, Alberto Samonà, il Dirigente Generale del Dipartimento ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana, Sergio Alessandro, il Soprintendente ai Beni Culturali e Ambientali di Catania, Rosalba Panvini che introdurrà e modererà gli interventi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *