Privacy Policy I Consiglieri Comunali di Siracusa scrivono all'Ars chiedendo di ripristinare la democrazia violata. - ReportSicilia.com

I Consiglieri Comunali di Siracusa scrivono all’Ars chiedendo di ripristinare la democrazia violata.

Diciassette Consiglieri Comunali di Siracusa hanno reso pubbliche le ragioni della loro opposizione allo scioglimento del Consiglio Comunale decretato dalla Regione. Nel contesto chiedono l’immediato ripristino della democrazia che assumono essere stata “gravemente violata”. 

Si ricorda che il Consiglio Comunale di Siracusa è stato sciolto d’autorità nel febbraio 2020 solo ed esclusivamente per aver votato contro la proposta di delibera di uno strumento finanziario proposto dal Sindaco e dalla sua Giunta. Il diritto di voto da parte di rappresentanti elettivi del popolo, legittimamente espresso nell’esercizio delle proprie funzioni e all’interno dell’assemblea elettiva alla quale sono stati chiamati dai cittadini, non dovrebbe mai, in un ordinamento democratico, essere sanzionato.

I Consiglieri Comunali di Siracusa hanno esercitato il loro diritto e la loro libertà respingendo la proposta di bilancio che ritenevano in coscienza illegittima e sono così divenuti esempio visibile e tangibile dell’ingiustizia di un sistema che necessita di un’immediata riforma.

Ora che la questione è anche approdata al parlamento regionale, i Consiglieri Comunali di Siracusa chiedono che, essendo in gioco i principi fondamentali dello Stato di Diritto, la loro battaglia di civiltà sia sostenuta senza distinzioni di parti politiche e senza calcoli di convenienza personale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *