Privacy Policy Strozzini minacciano e aggrediscono proprietari di un bar ad Augusta, misure cautelari per 2 persone. - ReportSicilia.com

Strozzini minacciano e aggrediscono proprietari di un bar ad Augusta, misure cautelari per 2 persone.

I Carabinieri di Augusta hanno posto fine a una vicenda di vessazioni e violenza derivante dagli effetti trasversali della pandemia COVID-19.

Una coppia, che gestisce un bar nel centro di Augusta, una volta finito lockdown, si è trovata in forte difficoltà economica a causa del periodo di chiusura commerciale. La coppia aveva deciso di rivolgersi a degli “amici” per ottenere un piccolo prestito, di appena 2.000 euro. Purtroppo le aspettative di ripresa economica dei due esercenti non sono state ripagate dai fatti, poiché gli affari hanno stentato più del previsto e i due non sono riusciti a onorare parte del debito entro i termini stabiliti.

A quel punto, il soggetto che si era prodigato a versare la modesta quantità di denaro, è divenuto il loro aguzzino, iniziando un’inquietante attività intimidatoria. L’uomo minacciava i due esercenti all’interno del bar, talvolta anche di fronte ai clienti.

Verso fine Agosto è avvenuto un grave episodio di violenza: il principale aguzzino si è presentato al bar con un’altra persona aggredendo il gestore all’interno del laboratorio. La vittima, pur investita con pugni e calci, nel trambusto e nel capannello di gente che si stava formando all’interno del bar è riuscita in qualche modo a scappare a piedi con la propria compagna verso la loro attigua abitazione. Lì sono stati raggiunti dai due soggetti che hanno continuato ad aggredire l’uomo, anche alla presenza del figlio di 10 anni, bloccato e strattonato.

I tre, per paura che arrivassero i Carabinieri, si sono allontanati gridando nei confronti dell’uomo esplicite minacce di morte. Le vittime sono poi finite al  Pronto soccorso dell’Ospedale “Muscatello” di Augusta per le ferite riportate.

Solo a seguito del grave episodio, la coppia si è decisa a denunciare i fatti recandosi alla Stazione Carabinieri di Augusta, la quale ha avviato immediate indagini. L’Autorità Giudiziaria, ha richiesto e ottenuto dal Tribunale nei confronti dei due soggetti augustani (L.C.F. di anni 26, censurato, artigiano, e B.G. di anni 25, disoccupato). I due sono ritenuti responsabili di tentativo di estorsione, con la misura cautelare del divieto di soggiorno nel comune di Augusta e contestuale divieto di avvicinamento alle vittime.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *