Privacy Policy A Siracusa e Augusta perquisizioni e denunce della Polizia contro il traffico di sostanze stupefacenti. - ReportSicilia.com

A Siracusa e Augusta perquisizioni e denunce della Polizia contro il traffico di sostanze stupefacenti.

Agenti delle Volanti e del Reparto Prevenzione Crimine di Catania hanno controllato le zone del territorio interessate da fenomeni criminali, quali traffico di sostanze stupefacenti.

È stato denunciato un uomo di 41 anni, residente a Siracusa, per aver violato le prescrizioni inerenti gli arresti domiciliari cui è sottoposto. L’arrestato è stato sorpreso in casa dai Poliziotti mentre era in compagnia di una persona non appartenente al nucleo familiare. Inoltre, in Via Immordini è stato sorpreso un uomo di 36 anni in possesso di una modica quantità di cocaina ed è stato segnalato all’Autorità amministrativa competente.

A seguito di una perquisizione domiciliare, agenti della Polizia di Stato hanno rinvenuto e sequestrato una pistola lancia razzi calibro 22 detenuta illegalmente. Il proprietario dell’arma, già sottoposto agli arresti domiciliari, un siracusano di 37 anni, è stato denunciato. 

Nel complesso sono state identificate 123 persone e controllati 895 mezzi con e senza l’ausilio di strumenti elettronici. 7 sono state le sanzioni amministrative elevate e 2 i fermi di motocicli.

Agenti di Siracusa, insieme ai colleghi dell’omologo ufficio investigativo catanese, hanno arrestato Marino Alessandro, di 28 anni, residente a Carlentini, per coltivazione di marijuana.

A seguito di indagini di polizia giudiziaria, gli investigatori della Polizia di Stato hanno effettuato in un garage ad Augusta una perquisizione domiciliare. È stata trovata una coltivazione di marijuana con 10 piante curate con un apposito sistema di illuminazione per assicurare la massima cura alle piante.

Colture e strumenti utilizzati sono stati sequestrati insieme ad altri esemplari della stessa specie già in via di essiccazione.Le piante di marijuana e quelle già essiccate, opportunamente trattate, avrebbero fruttato al dettaglio circa 5000 euro.Dopo le incombenze di legge, l’uomo è stato posto ai domiciliari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *