Privacy Policy L'isola della luce: un viaggio attraverso la lotta Luce vs Tenebre - ReportSicilia.com

L’isola della luce: un viaggio attraverso la lotta Luce vs Tenebre

Una esibizione artistica coinvolgente quella svoltasi nelle due serate del 10 e 11 luglio al Teatro Greco con lo spettacolo “L’isola della Luce”. Protagonisti d’eccezione, per la piece musicale, sono stati Tosca, Mariarita Combattelli, Massimo Popolizio, con la conduzione del maestro Nicola Piovani che ha composto le musiche. La scaletta, il cui libretto ideato da Vincenzo Cerami si apre con un epitaffio di Sicilo in lingua greca, è stato seguito dalla voce recitante di Popolizio con “Le doglie di Latona”, il tutto accompagnato dalle melodie dell’orchestra Vincenzo Bellini di Catania.

L’isola della luce non è altro che la greca Delos, al centro di una performance che trascina lo spettatore attraverso i temi della luce in opposizione alle tenebre, la nascita contro la morte, il rancore contro il perdono. Il tema narrante vuole offrire le giustificazioni e le vie di uscita contro chi fa del male senza pentimento, ma viene perdonato dall’offeso per una ricerca di pace interiore. Il ritmo incalzante delle percussioni, il suono mellifluo del clarinetto, dell’oboe, del flauto traverso, dei violini tendono la mano a chi ascolta con l’intenzione di immergersi nelle immagini suscitate dai brani. Tosca interpreta melodie in italiano, inglese e greco, calcando la scena con maestria insieme alla giovane soprano Mariarita.

La sfilza di emozioni proposta dall’Isola di Delos non è stata semplice da comprendere e apprezzare fino in fondo. Gli interrogativi di Einstein sulla materia e la luce, il ratto della cetra di Apollo da parte di Ermes, i continui riferimenti all’ordine del caos per apprezzare meglio l’equilibrio della luce, sono tutti temi dal significato estremamente profondo.

Il pubblico non si è distratto un attimo durante l’esecuzione della performance, incantato dalle note a tratti struggenti, poi angoscianti e poi ancora allegre.

A conclusione dello spettacolo c’è stato chi chiedeva il bis, ripetendo più volte “Ancora! Ancora”, e chi non smetteva di applaudire nemmeno quando gli orchestrali si alzavano per riporre gli strumenti musicali.

A prescindere dal gradimento più o meno positivo del singolo spettacolo, una cosa il pubblico del Teatro Greco ha voluto palesare: l’INDA ha battuto il Covid.

Viviana Nobile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.