Privacy Policy Siracusa, blitz dei Carabinieri in Borgata, arrestato un 24enne - ReportSicilia.com

Siracusa, blitz dei Carabinieri in Borgata, arrestato un 24enne

I Carabinieri della Sezione Operativa del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Siracusa, a seguito di servizio finalizzato alla repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti nelle aree più degradate del capoluogo aretuseo, hanno arrestato per detenzione illecita di sostanze stupefacenti, detenzione d’arma e munizioni clandestine Pappalardo Giuseppe, siracusano classe 1996, disoccupato e con precedenti di polizia. 

I militari, a seguito di una perquisizione eseguita in un prefabbricato sito in una strada del quartiere Borgata di Siracusa, disabitato ma di fatto nella disponibilità del giovane, che di fatto vi aveva libero accesso, hanno rinvenuto:

  • 1 fucile da caccia calibro 12 a canne lisce affiancate c.d. “doppietta”, armato e con cartucce inserite, perfettamente funzionante, con matricola abrasa e con canne mozzate artigianalmente,  a cui era stato modificato anche il calciolo verosimilmente per renderlo più occultabile negli indumenti personali durante i movimenti;
  • 4 cartucce calibro 12 a pallettoni tipiche dei tiri da caccia;
  • 2 cartucce calibro 12 a palla unica ad elica, la così detta palla “slug”, caratterizzata da un notevole livello di precisione e da un’ottima capacità penetrativa.

Inoltre, sono state sequestrate 39 dosi di cocaina, del peso complessivo di grammi 14,00, euro 845,00 in contanti, ritenuti verosimile provento di spaccio, un bilancino di precisione e materiale vario utilizzato per il confezionamento della droga, come buste di cellophane, carta argentata, vari rotoli di plastica.

L’arrestato è stato condotto alla casa di reclusione di Brucoli come disposto dall’Autorità Giudiziaria di Siracusa. Il fucile sarà inviato presso il Reparto Carabinieri Investigazioni Scientifiche di Messina per l’effettuazione di accertamenti di natura balistica volti a rilevare l’eventuale utilizzo in pregressi eventi criminosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *