CulturaNewsNotizie dai Comuni

59esima stagione di rappresentazioni classiche al Teatro Greco di Siracusa: il messaggio del ministro Sangiuliano

Gentile Presidente, Francesco Italia e gentile Sovrintendente, Marina Valensise,
purtroppo pregressi impegni istituzionali non mi consentono di partecipare alla
presentazione della 59esima stagione di rappresentazioni classiche al Teatro Greco di Siracusa.
Con questo messaggio voglio portare il mio saluto a tutta la Fondazione dell’Istituto
Nazionale del Dramma Antico ed esprimervi la mia vicinanza e quella del Ministero della
Cultura con il più grande augurio per questa nuova stagione che, il prossimo 10 maggio,
prenderà il via nell’incredibile e unico scenario del teatro siracusano.
Un appuntamento speciale quello di questa edizione perché incrocia le celebrazioni dei
110 anni delle rappresentazioni classiche al Teatro Greco, allestite in epoca moderna, dalla prima
del 1914. Ulteriore elemento che testimonia le radici profonde in cui è radicata la vostra
istituzione culturale nella storia della Nazione. Un continuo successo che richiama il pubblico da
tutte le latitudini e che è ormai, da decenni, un’eccellenza nel panorama mondiale degli
spettacoli teatrali con in più quell’elemento, in cui io credo molto, che è dato dal legame tra il
nostro patrimonio artistico e il teatro.
Quello che oggi presentate è, infatti, una rassegna di rappresentazioni teatrali che avviene
all’interno di uno dei teatri di pietra più importanti del mondo, il Greco di Siracusa, con un
cartellone che rappresenta l’essenza della cultura occidentale, che ricorda l’origine della nostra
civiltà nata proprio nel mondo greco-romano.
Quando descrivo e parlo della nostra Nazione quale una vera e propria superpotenza
culturale, non faccio riferimento alla nozione storica tardo ottocentesca, ma ad una realtà
oggettiva. Il fatto che la penisola italica, al centro del Mediterraneo, ha visto il succedersi storico
di tante civiltà, ciascuna della quali ha lasciato qualcosa di importante, in termini artistico
culturali, tra cui il Teatro Greco di Siracusa nella doppia accezione: le sue pietre, che a distanza
di millenni ci parlano e rappresentano la testimonianza visiva e storica di quello che è stato e la
tradizione dello spettacolo teatrale che vive nella città di Siracusa, tra i suoi abitanti, nelle sue
strade e piazze.
Sono questi gli elementi che rappresentano il vanto e fanno grande la cultura italiana nel
mondo.
Questo lascito che viene da passato è il nostro orgoglio ma anche la nostra grande
responsabilità nei confronti delle generazioni attuali e future, ovvero quello di sapere tutelare e
valorizzare, conservare e tramandare – come è scritto nella nostra Costituzione – il patrimonio di
arte e cultura, sia materiale e immateriale, della Nazione.
Certo del vostro impegno e della grande passione che saprete mettere anche in questa
nuova stagione di rappresentazioni classiche al Teatro Greco di Siracusa, rinnovo i miei auguri
con la certezza che, anche quest’anno, verrà confermato il grande successo che da sempre
contraddistingue il lavoro dell’Inda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *