CronacaNewsNotizie dai Comuni

Genovese Eurialo Siracusa sconfitta a testa alta a Catania

Planet Strano Light Catania 3

Asd Genovese Eurialo Siracusa 0

Planet Strano Light Catania: Lo Re, Greco, Lacqua, Torre, Sozzi, Russo, Macaluso, Utili, Guardo, Magro, Carbone, La Ferrera, Giuffrida. All. Licciardello.

Asd Genovese Eurialo Siracusa: Colombo, Maltese, Iemulo, Carucci, Caniglia, Bennardo, Cantalanotte, Salamone, Sortino. All. Scandurra.

Arbitri: Sacco e Sorbello di Catania.

Parziali: 25-15, 25-18, 25-12

Sconfitta a testa alta per Genovese Eurialo Siracusa sul campo della Planet Strano Light Catania, terza forza del campionato di pallavolo femminile serie C. In formazione ampiamente rimaneggiata per via delle numerose assenze, la squadra aretusea fa quel che può e nei primi due set riesce anche a mettere un po’ di apprensione alla ben più quotata compagine avversaria, che deve fare ricorso all’esperienza e alla qualità delle sue giocatrici migliori (Torre e Lo Re su tutte) per tenere a distanza le avversarie e imprimere l’accelerazione decisiva. 

I primi due punti del match li realizza la Genovese Eurialo, ma poi le padrone di casa mettono le cose in chiaro e, sul 5-4, conquistano 8 punti consecutivi, che creano un solco incolmabile con la generosa formazione aretusea. Il set termina 25-15. Il secondo parziale vede le ospiti rimanere sulla linea di galleggiamento fino al 16-14. Le verdeblù fanno ricorso a tutte le loro energie psicofisiche per cercare di restare aggrappate alla partita, ma a prevalere è la qualità del sestetto etneo, capace di attaccare con potenza e precisione da tutte le zone del campo e di difendere con efficacia. Finisce così 25-18. L’ultimo set vede le ospiti lottare nelle battute iniziali. Sul 10-8 però arriva l’allungo delle padrone di casa: break di 15-4 e game over. 

“Più di così non potevamo fare – commenta il tecnico Luca Scandurra – Niente da rimproverare alle ragazze che, contro una squadra formata da giocatrici di categoria superiore, hanno dato il massimo. Sapevamo che non avremmo avuto speranze di far punti in questa partita, ma ciò che mi interessava vedere era lo spirito con cui l’avremmo affrontata e ho avuto le risposte che cercavo. Per noi sarà importante il prossimo impegno, quello interno di domenica con l’Agira. Sarà uno scontro diretto per la salvezza in cui dovremo cercare di fare risultato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *