Privacy Policy "Na vota" - ReportSicilia.com

“Na vota”

di B. Giovanni Belnome

E se è vero che non c’è due senza tre, pubblichiamo la terza poesia dialettale, inviataci dal dr. Belnome che rievoca i giochi dell’infanzia, la strada popolata di bambini che cominciavano a imparare la vita. Un ricordo avvolto da un’aura mitica che appare lontanissima dal modo in cui oggi i bambini intendono il gioco.

Buon lettura.

Quannu era nicu fora ia a jucari, 

Comu   facia a un m’allurdari? 

Chinu di terra turnava a la casa, 

circava sempri di mmintari na scusa,

me matri darrè la porta aspittava, 

finia bona na cazziata pigghiava.

La so banda ci avia ogni quarteri,  

li boni, li tinti e li guerrieri. 

Pi fari jocu ci nni vulianu tanti,

a carti, a brigghia, a li quattru canti,

un parramu poi s’aviamu un palluni,

spissu finia ncapu a un finistruni. 

C’eranu vicini assai schiffarati, 

niatri nichi eramu chiù controllati.

Si quarchi periculu era mmeru la via, 

s’affacciava subitu cu ntirvinia.

C’era puru cu unn’assuppurtava,

si pigghiava palla, ni la tagghiava.

Nta li paisi ormai chiù nenti si trova,

un ci su li addini chi fannu l’ova, 

manca lu gessu pi jucari a lu bruttu,

un c’è chiù arvulu p’arrubbari lu fruttu. 

Manca la corda pi putiri satari 

e l’amici pi jucari ammucciari.

Appena scurava avia a riturnari,

ma certi voti si putia arristari. 

Pi carnevali a ballari si ia, 

dintra li casi dunni sonu sintia,

pi li vampati si facia a satari, 

nni vitti tanti capiddi abbruciari.

Ora li picciriddi rintra hannu a stari,

un mancanu strucchiuli pi jucari.

Un c’è bisognu di usari l’ingegnu,

s’annoianu e un ci mettinu mpegnu.

Stannu suli un fannu esperienza,

poi si trovanu persi a la partenza

Li patri e li matri sunnu mpignati,

li figghi ci criscinu malarucati.

Di corpu la vita hannu affruntari,

un mari nfinitu d’attravirsari,

Si varca unn’è bona, la rutta fasia,

peggiu truvannu na tinta cumpagnia.

Li valuri, su cosi veru mpurtanti,

senza di chissi un semu chiù nenti.

Basta anticchia di marusu ncuntrari, 

chi la varca pò virisi abbuccari.

A li nostri figghi vicinu ama stari,

nzignamuci a putiri navigari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *