Privacy Policy Gestione rifiuti ingombranti: l’odissea del cittadino alla discarica comunale - ReportSicilia.com

Gestione rifiuti ingombranti: l’odissea del cittadino alla discarica comunale

Siracusa, città dalle bellezze decantate in ogni tempo, antico centro greco, perla del Mediterraneo. È uno strazio vedere la nostra città invasa da rifiuti di ogni genere, dai piccoli sacchi disseminati in ogni angolo, ai divani, le lavatrici, i rifiuti ingombranti abbandonati nelle zone più periferiche, ma a volte anche al centro. Ci chiediamo perché. Perché i cittadini, che amano la loro città come se fosse la propria madre al momento di dover decidere come disfarsi di rifiuti ingombranti decidono di abbandonarli sopra un marciapiede?

La risposta la possiamo avere agevolmente se decidiamo di recarci alla discarica. Al nostro arrivo troviamo una lunga fila di macchine in attesa. Quando inizia il conferimento ci rendiamo conto che i tempi di smaltimento sono lunghissimi e che forse, se tutto andrà bene, ci potremo sbrigare entro 4 o 5 ore.

Allora? Riflettiamo su come fare. Prendere un giorno di ferie per andare alla discarica? Affidare i bambini ai nonni per un giorno intero? Cercare una babysitter? Portarci il pranzo a sacco per recarci alla discarica?L’amministrazione comunale dovrebbe offrire tutti questi servizi proprio davanti al cancello della discarica e mettere, perché no, anche un’ambulanza nel caso in cui qualcuno si sentisse male per la lunga attesa.

Quindi ci domandiamo ancora: l’amministrazione comunale vuole che il cittadino vada alla discarica a conferire i rifiuti o preferisce sperare di cogliere i cittadini in flagranza per spiccare una multa?

L’amministrazione comunale vuole veramente una città pulita?

Sorgono dei dubbi! In ogni caso la risposta immediata del cittadino che paga fior di bollette per la gestione dei rifiuti, che proprio in questi giorni stiamo trovando nelle nostre buche della posta, non può che palesarsi in una espressione, densa di amarezza e senso di frustrazione: “Vergogna!”

Giovanna Strano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *