Costume e SocietàNews

COLOMBA BIANCA A “WOMEN IN FOOD” PER RICORDARE MARISA LEO: «RIPARTIAMO DAI PROGETTI CHE ABBIAMO EREDITATO»

A Urbino il forum delle donne del cibo, del vino e dell’ospitalità organizzato da Cook 

Il presidente Taschetta: «La scomparsa di Marisa ha lasciato un enorme vuoto, che cercheremo di colmare con un impegno sociale concreto contro la violenza di genere»

Il percorso di Colomba Bianca riparte da «Women in food» e da tutte le iniziative nate in memoria di Marisa Leo – responsabile marketing e comunicazione della cantina siciliana e donna del vino – 39enne originaria di Salemi, uccisa per mano dell’ex compagno il 6 settembre 2023 a Marsala.

È passato poco più di un mese dal femminicidio: giorni in cui tutti i colleghi sono stati sopraffatti dal dolore e dallo sgomento. «Ma adesso c’è voglia di ripartire, seguendo proprio la strada tracciata da Marisa – sottolinea il presidente Dino Taschetta – porteremo avanti idee, progetti, attività ideate e promosse da lei, con quel sorriso che l’ha sempre contraddistinta. Lo dobbiamo a lei e alla sua bambina. E lo faremo con l’etica e i valori che da sempre fanno parte del mondo di Colomba Bianca, ma con un obiettivo in più: tenere sempre acceso il ricordo di Marisa Leo, attraverso un impegno sociale concreto contro la violenza di genere, attraverso la valorizzazione e la centralità delle donne nel mondo del vino, attraverso la sensibilizzazione verso una nuova cultura che ruoterà intorno alla frase-simbolo “La mia essenza non è merce di scambio”». 

Ieri pomeriggio, durante la terza edizione di «Women in Food» – evento organizzato da Cook di Corriere della Sera in programma a Urbino il 10 e l’11 ottobre, che ha intitolato a Marisa Leo due borse di studio – a ricordare la donna, la mamma, la professionista è stato il direttore commerciale di Colomba Bianca Giuseppe Gambino. Durante l’evento, che ha aperto la riflessione sul ruolo della donna in questa contemporaneità – dalla maternità al denaro, dalla creatività alla carriera – il messaggio legato alla storia di Marisa ha alzato il livello d’attenzione sull’urgenza di contrastare la violenza legata agli stereotipi di genere, quell’asimmetria di potere che spesso rende diversi i destini delle donne, la discriminazione che nasce da una dimensione sbilanciata, e profondamente strutturale, della società in cui viviamo. 

«Oggi sentiamo forte la responsabilità di far accadere ciò che abbiamo pensato e sperato insieme a Marisa Leo – ha sottolineato Gambino –  ripartiamo dall’eredità che ci ha lasciato, dai progetti ispirati a valori etici e portati avanti con grandissima energia e determinazione. Ci sentiamo ancora disorientati, ma vogliamo con fermezza dare luce e vita ai progetti concepiti con lei durante il suo brillante percorso di carriera. Il suo amore più grande era il progetto “Cara Terra”, ideato per la tutela del territorio, a cui portare rispetto usando materiali totalmente riciclati, dal vetro al cartone: un omaggio alla sua Salemi, con un pensiero carico d’amore ma anche di speranza per i suoi produttori. Legheremo questa etichetta a una vera e propria campagna educativa volta al miglioramento della condizione umana, partendo proprio dalle scuole. Se tutto ciò accadrà, ridaremo una dignità alla viticoltura siciliana, avremo creato più ricchezza – anche e soprattutto negli animi di tutti noi – avremo portato in salvo tantissime donne ancora a rischio».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *