CronacaNews

Giornata Internazionale contro omolesbobitransfobia

Fu il curatore del “Dictionnaire de l’homophobie” Louis-Georges Tin, a ideare nel 2004 la Giornata internazionale contro l’omofobia, ciò avvenne 14 anni dopo la storica decisione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità di rimuovere l’omosessualità dalla lista delle malattie mentali nella classificazione internazionale delle malattie, definendola per la prima volta «una variante naturale del comportamento umano.

Era il 17 maggio del 1990 e allora questa data rappresenta per la comunità LGBT+ un’occasione di fondamentale importanza per ribadire quanto sia fondamentale mettere in campo azioni di prevenzione, sensibilizzazione e contrasto riguardanti l’omolesbobitransfobia alla base di tutte le violenze, fisiche e psicologiche, di cui sono vittime ancora troppe persone non etero sessuali (o percepite come tali) o con identità di genere non Cis gender. Ragazze e ragazzi, uomini e donne giudicate “non conformi”, “sbagliate” o da ricondurre a una presunta normalità, perché non aderenti a modelli preordinati da una società etero-normata e ricolma di stereotipi e pregiudizi. 

Partendo da queste considerazioni che il comitato organizzativo del Siracusa Pride 2023 ha pensato di mettere in campo due iniziative: un gazebo informativo collocato al Largo XXV LUGLIO, nel quale si alterneranno volontarie e volontari delle associazioni che compongono il comitato Siracusa Pride, dalle 10.30 alle 18.30 e il lancio di una significativa campagna fotografica alla quale si potrà partecipare sia on line (sulle pagine social ufficiali del “Siracusa Pride”) sia recandosi presso il gazebo di Largo XXV Luglio dalle 10.30 alle 18.30. 

“Credo che il 17 maggio, Giornata Internazionale contro l’omolesbobitransfobia, abbia molte cose in comune col 25 aprile, giornata della liberazione dal nazifascismo.  Entrambe hanno in comune tre concetti fondamentali, memoria, libertà e speranza.  Memoria di quante e quanti hanno combattuto fino al sacrificio della stessa vita affinché le generazioni future potessero avere cittadinanza e riconoscimento.  Libertà dei corpi e delle menti, l’autodeterminazione come mezzo di contrasto alla cultura dell’odio, della discriminazione e della violenza che caratterizza alcune correnti di pensiero ideologico in ogni tempo. La speranza che attiviste e attivisti seminano col loro operato, semi di cultura, informazione, esempio, di fatto, creando i presupposti per una società più inclusiva e accogliente, nel rispetto fondamentale della dignità umana, un valore non negoziabile e non sacrificabile sull’altare dell’opportunità e del vile compromesso” – dichiara il presidente di Stonewall, Alessandro Bottaro. 

Armando Caravini, presidente di Arcigay Siracusa dichiara: “Nell’indifferenza e nell’ipocrisia degli schieramenti politici e di chi legifera si conferma essere anno dietro luce indietro rispetto al percepire ed al sentire della popolazione. Oggi si celebra una giornata importante che è quella contro l’omolesbobitransfobia per ricordarci, ancora una volta, che in Italia non esiste una legge che tutela la persona lesbica, gay, bisessuale, trans dall’odio verso la diversità. L’omolesbobitransfobia, ci tengo a precisare, che in Italia è ancora una grave piaga sociale. Personalmente vorrei che si uscisse fuori dagli steccati e reciti ideologici perché i diritti civili, le battaglie civili non hanno colori politici ma appartengono a tutte le persone di buon senso che credono nell’uguaglianza e nella libertà. Ritengo sia fondamentale che si arrivi a legiferare seriamente in materia, senza perdere tempo, evitando che tutto vanga vergognosamente vanificato com’è stato per il DDL Zan”.

Il Siracusa Pride 2023 è organizzato da: Stonewall GLBT Siracusa e Arcigay Siracusa in collaborazione con: Amnesty International – Gruppo Italia 85, Arci Siracusa, Arciragazzi Siracusa 2.0, Astrea in memoria di Stefano Biondo, Centro Antiviolenza Ipazia, CGIL, COBAS Scuola Siracusa, COBAS pubblico impiego Siracusa, Giosef Siracusa, Giovani Menti Libere, No all’Odio – Movimento di contrasto ai discorsi d’Odio, Rete Degli Studenti Medi Siracusa, UIL, Zuimama Arciragazzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *