Si conclude con la presenza di alcune delle speciali modelle, protagoniste del reportage che ha consentito di realizzare la mostra “La battaglia delle donne”. Foto che portano la firma di Letizia Battaglia, con le quali è stato realizzato anche il calendario della “Tricostarc Onlus”. Un progetto di tricologia sociale per lanciare un messaggio di bellezza attraverso le donne che combattono il cancro

Saranno Sofia e Valeria, due delle protagoniste dell’ultimo reportage di Letizia Battaglia, a chiudere la mostra “La battaglia delle donne. Ritratti di donne e la forza delle loro battaglia”, allestita sino a sabato 14 gennaio al Centro di Fotografia dei Cantieri Culturali alla Zisa, che ha consentito a chi l’ha amata e anche a quei pochi che non hanno avuto la fortuna di conoscerla di ammirare le foto dell’ultimo reportage di Letizia Battaglia. 

Sedici in tutto gli scatti, da potere ammirare per tutto l’anno grazie anche al calendario che è stato realizzato, che portano la firma di una delle fotografe più conosciute e amate del mondo che con questo progetto tira fuori tutta la bellezza di otto donne, la cui battaglia contro il cancro le ha rese più belle e fonte di ispirazione per le tante altre – almeno l’8 per cento – rifuggono dalla chemioterapia per paura di perdere i capelli. 

Proprio per offrire la possibilità di affrontare le cure senza questa paura, la “Tricostarc Onlus”, insieme alla Fondazione Prometeus ha promosso la “Banca della Parrucca”, grazie alla quale ogni anno vengono donate 300 parrucche a chi ne ha bisogno e non se le può permettere perché troppo costose: dai 400 euro circa per quelle con capelli sintetici sino anche a tremila euro per le parrucche con capelli veri. 

«Grazie alla generosità di chi capisce cosa vuol dire compiere questo gesto – afferma Giusy Giambertone, presidente della “Tricostarc Onlus” –  le donne possono mantenere la propria femminilità non rinunciando alle terapie.  Avere avuto modo di “congelare” negli scatti di Letizia Battaglia la bellezza di queste otto donne, diventa un regalo che arriva a tutti. Il calendario è sintesi di bellezza che speriamo arrivi e rimanga nella vita delle persone anche oltre i dodici mesi. In questo modo il cancro non è più qualcosa di astratto o da cui mantenere le distanze».

A raccontarsi, alle 15 di sabato 14 gennaio al Centro di Fotografia dei Cantieri Culturali alla Zisa, lo dicevamo all’inizio, saranno Sofia e Valeria, pronte a  dare ulteriore testimonianza di amore. Come quella che ha trasmesso loro Letizia Battaglia in quella che è stata una breve ma intensa esperienza di bellezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.