Privacy Policy Soffia il vento della storia nelle pagine di Requiem per un fascista maltese di Francis Ebejer - ReportSicilia.com

Soffia il vento della storia nelle pagine di Requiem per un fascista maltese di Francis Ebejer

Amore e morte nella Malta del primo Novecento

«L’uomo nella sua lotta contro la solitudine della guerra durante i bombardamenti aerei italiani e tedeschi, in uno scenario cupo e tragico nel quale l’amore omosessuale di Lorenz per Paul non si realizzerà mai». (Dalla prefazione del professor Joseph Eynaud)

Un grande romanzo storico per la prima volta in Italia.

«Le vele del mio destino si riempirono di un vento implacabile e costante. Ero invecchiato rispetto ai miei anni. La pace, però, non faceva per me, anche se presto avrebbe regnato nelle isole del Mediterraneo». Soffia il vento della storia nelle pagine di Requiem per un fascista maltese di Francis Ebejer, uno dei più celebri romanzieri maltesi del ‘900

Il libro edito da Bonfirraro editore, con il contributo del NBC di Malta,in libreria e negli store online a partire dal 03 giugno 2021, è un romanzo semi-autobiografico, che rappresenta una preziosa testimonianza sul periodo più buio della storia europea. Ebejer, scomparso nel 1993, affiancò all’attività di autore teatrale e radiofonico quella di scrittore, con numerosi romanzi tradotti in nove lingue. Requiem per un fascista maltese fu pubblicato in inglese nel 1980, e grazie a Bonfirraro editore arriva per la prima volta nelle librerie italiane, nell’attenta traduzione di Dora Fiorentini. 

Un potente affresco storico, quello dipinto dall’autore maltese, che racconta gli anni più drammatici del suo Paese, piegato dalle bombe della Seconda Guerra Mondiale. Ma soprattutto un intenso romanzo di formazione, che racconta storia e amori del protagonista Lorenz senza arrendersi ai tabù dell’epoca. Le sue attenzioni, sin da ragazzo, si rivolgono anche a persone del suo stesso sesso. Ciò non gli impedirà di coltivare relazioni travolgenti con diverse donne, prima di arrendersi alla passione irrealizzata per l’amico Paul. Una riffa di sentimenti dai quali il protagonista uscirà svuotato: «In quel groviglio di tradimenti, di amore e di desiderio era sempre presente un disperato senso di perdita. Profondamente radicato dentro di me». 

Il libro non fu di facile gestazione, come ammette l’autore nella nota che apre il testo. La stesura cominciò nel 1968, ma soltanto nel 1976 Ebejer riuscì a completarla, rispondendo alle sollecitazioni degli amici più intimi. L’opera è tanto più significativa nel momento storico che stiamo vivendo, in qualche modo speculare a quello in cui comincia il romanzo. Gli anni Venti del Novecento giunsero al termine di una pandemia – quella della Spagnola – e alla vigilia di una crisi economica culminata nella Grande Depressione. In mezzo, una storia di umanità distrutta, preda di fantasmi che presto si trasformeranno in demoni: «Quando l’anarchia verrà sconfitta», dice uno dei personaggi, «Mussolini e Hitler saranno vittoriosi e questi inglesi ignoranti capiranno cos’è un vero impero…». 

Il testo è impreziosito dalla prefazione del professor Joseph Eynaud, già capo del Dipartimento di italianistica dell’Università di Malta, nonché fondatore del Dipartimento di traduzione e studi interpretativi. «Quel che mi affascina nel romanzo di Ebejer», scrive il professore, «è la sensibilità con cui ritrae Malta sotto le piogge autunnali, il sole straziante dell’estate, le case della gente povera. Dopo le danze e la fine di un pomeriggio allegro, si accendevano i fuochi, le fiaccole e le torce. La gente continuava a ballare fino a sera. Io vagavo da una strada all’altra. La sera era calma. L’odore di bruciato si mescolava al profumo di fiori d’arancio e di limone …». L’opera, nota ancora Eynaud, esplora i temi dell’amore e della morte declinandoli in chiave pirandelliana. Rendendo così omaggio al secolare rapporto tra Malta e l’Italia, e a quello ancor più intimo con la Sicilia. 

Un romanzo prezioso, insomma, quello portato in libreria da Bonfirraro editore. «Quello di Ebejer è uno dei libri più interessanti che abbia letto negli ultimi anni», dice Salvo Bonfirraro, fondatore e direttore editoriale della casa editrice, «Un testo profondo, capace di spaziare in ambiti diversi, come possono fare soltanto i grandi romanzi storici. Dopo una lunga immersione nella contemporaneità – dovuta al prolungarsi della pandemia da Covid-19, con le conseguenze nefaste che sappiamo sull’economia e sulla nostra vita sociale – questo libro ci restituisce il gusto per la Storia, maestra di vita e sopratutto chiave per comprendere il futuro. Siamo certi che i lettori lo apprezzeranno», conclude l’editore, «rendendo a questo grande autore il plauso che merita». 

L’AUTORE

Francis Ebejer (1925-1993), noto romanziere e drammaturgo maltese, ha scritto numerosi romanzi, opere teatrali e sceneggiature per TV e radio. Requiem per un fascista maltese è il suo quinto romanzo, pubblicato in inglese nel 1980 e poi tradotto in maltese. Lo stile e i temi fondamentali di quest’opera caratterizzano anche il suo ultimo romanzo, The Maltese Baron… and I Lucian, pubblicato postumo nel 2002. Le sue opere sono state tradotte in nove lingue, incluso il giapponese. Negli anni Cinquanta ha scritto principalmente per la radio, mentre gli anni Sessanta e Settanta hanno visto l’Ebejer più maturo produrre la maggior parte delle sue sceneggiature per il Teatro Nazionale di Malta e il Teatro Manoel alla Valletta. Per il palcoscenico ha scritto oltre cinquanta opere teatrali.

Descritto dai critici come un uomo in anticipo sui tempi, Ebejer ha esplorato nuovi mezzi espressivi e narrativi nella scrittura drammaturgica, ancora studiati e dibattuti in varie università europee.

Nonostante il successo ottenuto in vita, Ebejer non ha mai ricoperto il ruolo internazionale che effettivamente meritava, poiché era un uomo introverso con una personalità complessa e riservata, e la sua vita è stata segnata da numerose tragedie familiari. Vicissitudini personali diventate poi fonte di ispirazione per le sue opere letterarie.

BONFIRRARO EDITORE

“La nostra storia è il futuro verso cui ci avviamo…”: questa la massima sposata dall’editore Salvo Bonfirraro, che ama guardare lontano, assecondando la sua innata e incondizionata curiosità, trasmessa anche al figlio Alberto, responsabile del settore marketing dell’azienda. Ogni volume – narrativa, poesia, saggistica, storia, letteratura straniera – pubblicato da questa casa editrice indipendente racchiude una scoperta, un’idea, un nuovo modo di guardare e valutare il mondo e il nostro tempo. Il catalogo dell’editore può essere consultato in tutte le librerie d’Italia, negli store on-line e sul proprio sito https://www.bonfirraroeditore.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *