Privacy Policy Gionata Nazionale del Fiocchetto Lilla, contro i disordini alimentari - ReportSicilia.com

Gionata Nazionale del Fiocchetto Lilla, contro i disordini alimentari

I disordini alimentari, tra cui i più noti e diffusi sono anoressia e bulimia, sono oggi una vera emergenza di salute mentale per gli effetti devastanti che hanno sulla vita di adolescenti e giovani adulti. Se non trattati in tempo e con gli interventi adeguati, questi disturbi possono portare alla morte che solitamente avviene per suicidio o arresto cardiaco.
L’anoressia e la bulimia sono malattie causate prevalentemente da condizioni di disagio psicologico ed emotivo, pertanto necessitano di un trattamento che prenda in considerazione sia l’aspetto alimentare che quello psichico. Lo scopo è quello di aiutare il paziente a modificare i propri comportamenti e a gestire lo stress emotivo così da ristabilire un corretto equilibrio con il cibo. Sono prevalentemente le giovanissime donne di età compresa tra i 15 e i 25 anni a manifestare tali disturbi. Oltre ai fattori determinati dai condizionamenti ambientali, chi è affetto da anoressia o bulimia è ossessionato dalla propria forma fisica, dal peso e dalla necessità di stabilire un controllo sul proprio corpo. Il maledetto apparire, l’essere a tutti i costi ciò che gli altri vogliano che siano, genera un circolo vizioso che porta le adolescenti a compromettere il proprio benessere fisico e mentale. I nuovi stereotipi di bellezza che bombardano gli utenti dei social con immagini e video di corpi perfetti, quasi scolpiti, insinuano il tarlo dell’imperfezione nelle menti fragili delle piccole donne che cominciano a non vedersi bene dentro il loro corpo, litigano con lo specchio, si sottopongono a diete drastiche, rifiutano il cibo e giorno dopo giorno si allontanano dalla realtà, rifuggono i contatti sociali, si chiudono in camera e, dopo i pasti principali, passano molto tempo in bagno finché non hanno gettato via l’ultimo pezzetto di ciò che hanno ingurgitato o mangiato a fatica. La necessità di sentirsi accettati all’interno del gruppo, il sentirsi derisi per il proprio aspetto fisico oppure l’essere oggetto di eccessiva pressione o aspettative porta a conseguenze devastanti per menti così deboli.
Gli effetti della malnutrizione, dal punto di vista fisico, sono gravi e vanno dall’ulcera intestinale ai danni permanenti dell’apparato digerente, problemi cardiaci, osteoporosi, emorragie interne, difficoltà di concentrazione e memorizzazione. Dal punto di vista psicologico, invece, causano depressione, senso di colpa, scarsa autostima, etc.

Bisogna aiutare le giovani generazioni a capire che la bellezza, quella che conta davvero, risiede dentro ognuno di loro. La ricerca maniacale di una perfezione dettata da altri non è perseguibile. Avere fiducia in se stessi e nella famiglia, aprirsi al confronto costruttivo con la scuola, non chiudersi al mondo circostante, sono solo i primi passi per costruire la propria identità e non scivolare nel baratro dell’insicurezza da cui tutto parte. L’ultimo anno ha visto un aumento dei casi di anoressia anche nervosa e bulimia, pari a un 30% in più rispetto all’anno precedente, perchè le continue restrizioni che hanno costretto i giovani in casa davanti a un pc o a uno smartphone, soli con le loro paure, lontani dalla vita relazionale, spesso in contesti familiari difficili in cui il dialogo non esiste e il figlio è invisibile, hanno fatto da amplificatore. Non esistono terapie specifiche e i centri specializzati sono davvero pochi, per questo bisogna parlare del fenomeno, osservare sempre gli atteggiamenti dei ragazzi e capire se cambiano e in che modo. È una richiesta di aiuto che, se non capita in tempo, rischia di degenerare in una malattia che rapisce gli anni più belli.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.